I furbetti del Test di Medicina: coppie, tris e poker

Questo articolo è uscito sul mensile Il Lametino lo scorso 21 Dicembre 2013.

 Il test più ambito a livello nazionale non è poi così difficile…se si copia

Sostanzialmente l’Italia è stato sempre un paese di furbacchioni, ammettiamolo, e concretamente non ci vuole un genio per scoprire chi riga dritto e chi no. Oltre alla corruzione, alla politica e a tutti i disagi connessi, occupiamoci ora di un qualcosa che interessa più di 84.000 aspiranti medici, almeno quest’anno, e annessi parenti, professori e organi di commissione. L’ambito e discusso Test di Medicina si è svolto il 9 settembre di quest’anno, non con poche lamentele, sia da parte di organi sociali pro e contro l’abolizione del test, sia per la questione spinosa del “bonus maturità”, inserito, rimosso il giorno del test e reinserito poco tempo dopo, a graduatorie uscite e assegnazioni completate. Ma veniamo al dunque, senza troppi giri e rigiri.

Il test funziona secondo un regolamento ministeriale ben definito: aule, commissioni, posti, plichi contenenti il test, ogni cosa è calcolata alla perfezione (secondo loro), basti pensare che gli scatoloni contenenti il test “meritocratico” vengono portati nelle aule da guardie giurate munite di pistola. Quest’anno ero presente a Tor Vergata, università di Roma, dove i posti erano così “abbondanti” che alcune persone erano sedute spalla a spalla a pochi centimetri di distanza, i miei complimenti per l’organizzazione.

Sostanzialmente, ogni plico viene distribuito dalla commissione, banco per banco, ed ogni plico contiene una documentazione dove scrivere nome e cognome, data di nascita e annesse burocrazie. In particolare ad ogni plico (busta) è applicato un codice di riconoscimento alfanumerico, questo stesso codice sarà visualizzato sul sito accessoprogrammato.miur.it (il sito del ministero) al momento dell’uscita delle graduatorie ufficiali, con tutti i punteggi e le relative assegnazioni, attraverso l’inserimento di un “codice” e di una “password” strettamente personali, ennesimo documento della famosa busta che ogni studente riceve. 

Fermiamoci un secondo, e specifichiamo che ogni “codice alfanumerico” ha dei numeri iniziali che corrispondono alla singola università e classe (Es: 27MP00000). Il codice iniziale “27MP” corrisponde all’Università di Tor Vergata, “00000” corrisponde al numero del plico contenente il test, quindi così via per ogni studente 27MPI-00001, 27MPI00002, 27MPI00003 ecc…

Insomma non è difficile da capire. Bene, all’uscita della graduatoria nazionale, sul sito già citato, bastava loggarsi con username e password per visualizzare la graduatorie con le relative assegnazioni e scoprire l’esito del proprio test. Un po’ di lavoro e pazienza, e sono riuscito a completare la graduatoria di tutti gli assegnati a Tor Vergata. Dopodiché non ho fatto altro che controllare i famosi codici di ogni test, scoprendo qualcosa di molto interessante.

Il famoso codice è “consequenziale”, ossia se Tizio è seduto vicino a Caio, il codice del primo sarà 27MP00010 e il codice di Caio sarà 27MP00011, e se Sempronio stava vicino a Caio il suo codice sarebbe stato 27MP00012 e così via. Non c’è voluto molto allora, per scoprire che proprio Tizio, Caio e Sempronio, entrati a Medicina, avevano lo stesso punteggio, o quasi. Ma purtroppo, non erano gli unici. Perché tra coppie, tris e poker di furbetti, è uscito fuori che almeno 91 studenti di 220 entrati a Tor Vergata, sarebbero dei gran copioni.

La cosa fantastica è che, anche se inizialmente la graduatoria era anonima, successivamente ad ogni codice è stato aggiunto nome e cognome del candidato, sempre annessi con punteggio, assegnazione e compagnia bella, e bravi ai fessacchiotti.
I primi possibili copioni e fessacchiotti, omettendo nome e cognome per motivi di privacy, sono il 2° e il 4° candidato entrati a Tor Vergata. Il primo ha il codice 27MP30779 e punteggio pari a 63.60; il secondo ha codice 27MP30780 e punteggio pari a 60.60. Come potete notare, il numero finale varia di una sola cifra. Il primo dubbio che sorge è: “bé ma dai, se stavano vicini non vuol dire che abbiano per forza copiato, certo, il punteggio è simile, ma può essere una casualità“. Certo, può esserlo, come può esserlo il caso dell’ottavo e del nono in graduatoria: 27MP30103 e 27MP30104 entrati, pensate un po’, con lo stesso medesimo punteggio pari a 59.00. Uno assegnato a Medicina, l’altro ad Odontoiatria. Un’ altro dubbio che potrebbe sorgere è: “va bene, ma anche questa può essere una casualità, e poi chi mi dice che queste persone erano davvero sedute vicine?“. Si, può essere un’altra fantastica casualità del mondo delle meraviglie e sì, ho la prova che i posti siano consequenziali. Infatti per ogni “Italiota” che ha copiato, corrisponde l’aula assegnata in un pdf rilasciato dall’università prima dello svolgimento del test. Ad esempio, i primi due che abbiamo analizzato, andando a cercare nome e cognome nel documento di assegnazione delle aule, risultano entrambi assegnati all’aula “INGEGNERIA – Edificio Didattica Primo Piano Aula 2”. E i secondi che abbiamo analizzato, quelli col medesimo punteggio, risultano entrambi assegnati all’aula “INGEGNERIA – Edificio Didattica Primo Piano Aula 2”. Sì, casualmente le aule sono le stesse per entrambe le coppie dei possibili copioni. Tutti le altre coppie, tris e perfino poker di copioni, risultano assegnati nelle stesse aule: chi in un’aula della Facoltà di Ingegneria, chi in aule della Facoltà di Medicina.

Andiamo ad analizzare un tris, tre italioti con codice, rispettivamente:
27MP30392; 27MP30394; 27MP30393 risultanti tutti nella stessa aula della Facoltà di Medicina e con punteggi pari a, rispettivamente: 45.00, 43.90 e 42.00, tutti assegnati a Medicina (ovviamente). Contando che per ogni risposta corretta il punteggio aumentava di 1,5…”bé ma dai, sarà sicuramente un caso“. Ancora..certamente, sarà un caso, un caso da mettersi le mani nei capelli, come sarà sicuramente un caso, mediatico magari, quello del poker che ora analizzeremo insieme. Gli italioti in questione, con rispettivi codici: 27MP302-13; 27MP302-15; 27MP30212; 27MP302-14 entrati con i rispettivi punteggi pari a: 47.20, 46.10, 46.10 e 44.90. In questo caso, pensate la casualità, gli italioti col medesimo punteggio sono entrati anche nella medesima facoltà, Odontoiatria stavolta, mentre gli altri hanno optato per medicina. Anche qui c’è la conferma della medesima aula. Un altro poker, manco a farlo a posta, è quello dei candidati con codice: 27MP31552; 27MP31553; 27MP31555; 27MP31554 entrati con punteggi pari a: 46.60, 44.60, 44.60 e 42.70. Anche qui medesima aula, e ancora una volta, risultano anche due persone con lo stesso punteggio.

Fermiamoci qui, perché le prove abbondano e i codici corrispondono sempre, come le aule, come la poca differenza nel punteggio, praticamente minima. Siccome sono pignolo, aggiungo un’altra banale prova, un po’ debole rispetto a quelle mostrate fino ad ora. Sono andato a controllare, tramite nome e cognome, i rispettivi profili facebook degli italioti in questione (per chi non lo avesse capito “italioti” è la fusione di italiano e idiota) e, indovinate un po’, la stragrande maggioranza dei copioni avevano nelle liste degli amici i loro compagni di merenda del test. “Ma va là, si saranno conosciuti in Facoltà“. Alla faccia delle regole e della meritocrazia tanto osannata e declamata. Alla faccia della supponenza degli studenti di medicina, alla facciazza di quelli che non sono entrati per pochi punti, e che magari hanno passato un’estate intera a studiare, e anche di più.

Ci sono 91 possibili persone che a Roma, il 9 Settembre di quest’anno, hanno copiato e hanno superato il temibile test. A Bari, invece, ne ho contati 75, pari al 25% degli assegnati. E se qualcuno si prendesse la briga di controllare Catanzaro e tutte le altre sedi, forse salterebbe fuori che quelli entrati copiando sono pari a quelli che hanno sudato per meritarsi l’accesso alla Facoltà di Medicina. Se invece il Ministero alzasse il sedere, e se lo facessero pure tante altre persone, tra comuni mortali e potenti, tra presidenti di facoltà e professori, tra studenti e non, e soprattutto tra “Magnifici” Rettori, forse si capirebbe che questa pagliacciata che nasconde corsi di preparazione dai 2000 ai 4000 euro, libri di preparazione che costano attorno ai 100 euro, iscrizioni al test con tassa regionale dai 35 ai 150 euro a persona, sono tutte delle pagliacciate a cui manca un naso rosso e un po’ di trucco in faccia.
Il consiglio per i futuri aspiranti sarebbe quello di copiare, e di copiare senza pietà se necessario. Ma purtroppo non essendo un italiòta, posso solo dirvi di studiare e pregare, di avere il coraggio di denunciare questa illecita ed immonda “organizzazione”, di segnalare al prossimo test ogni possibile copione che vedete. Non imbarcatevi in Albania, Romania e Spagna, come consigliano molti genitori, parenti e amici di amici. Non spendete soldi per inutili corsi costosissimi, studiate e andate per la vostra strada, nel vostro paese e con i vostri diritti. “Il male non sarà mai l’unica soluzione”.

 M.C.

Annunci

One comment

  1. se vai su accesso programmato e vedi la classifica del 3742 e del 3743 noterai che il 3743 non esiste e si ripete il 3742 per due volte.In entrambi i casi i concorrenti hanno raggiunto lo stesso identico punteggio,hanno risposto alle stesse domande ed hanno fatto gli stessi identici errori.Hanno quindi ottenuto lo stesso identico punteggio:41.10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...